Home Auguri di buon compleanno in napoletano

Auguri di buon compleanno in napoletano

Buon compleanno in napoletano
Buon compleanno in napoletano

Se siete alla ricerca di idee per fare auguri di compleanno particolari potreste inviare frasi di auguri di buon compleanno in napoletano. Abbiamo raccolto per voi auguri di buon compleanno in napoletano, principalmente auguri di buon compleanno amore in napoletano. Vi suggeriamo romantiche frasi di auguri da dedicare alla fidanzata, al fidanzato, al vostro compagno, alla vostra compagna, a vostra moglie o a vostro marito, o alla persona che amate nel giorno del loro compleanno.
Molti poeti hanno scritto poesie in napoletano, principalmente poesie d’amore, tra tutti va menzionato certamente il grande Toto’. Non potevano mancare riferimenti, più o meno velati, ad alcune splendide poesie e canzoni in napoletano quali ad esempio: ‘O surdato ‘nnammurato, una delle più famose canzoni in lingua napoletana, scritta dal Aniello Califano (…..si state ‘a primma ‘nnammurate, ‘o primmo ammore e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ me!……), o altre poesie di Totò.

Ecco quindi alcune idee per fare gli frasi di buon compleanno in napoletano, frasi che potrete inviare via sms, WhatsApp, da condividere su facebook, da scrivere su un bigliettino di auguri o, soprattutto se è una lei, uno splendido mazzo di fiori. Ovviamente il tuo dovrà seguire uno splendido regalo.

Ecco per voi alcune frasi di buon compleanno amore in napoletano:

Augurì ammore mie: buon compleànn! Si ogne cosa bella attuorne a me, si ‘o core mio, si ‘o sole!

Buon compleànn ammore mie pe chiste 18anne tuoi. Si nú spettacolo staser: cchiù bella ‘e te nisciune ce stà. Si ‘o core mio.

Buon compleànn ammore mie. Grazie perchè stu core analfabbeta tu ll’he purtato a scola, e s’è mparato a scrivere, e s’è mparato a lleggere sultanto na parola: “Ammore” e niente cchiù!

Augurì ammore mie. Auguri vita mia: si state ‘a primma ‘nnammurate, ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ me!

Auguri amo’. Tu si ‘a cchiù bella cosa ca tene stu paese, tu si comm’ a na rosa e magge, tu si ‘o ciore cà voglio addurà.

Vita mia auguri, me si trasute dinte ‘o core., Si o prim e o lurdm penziere ra jurnata.